Monday, 20 May 2024

Trump è ben posizionato per essere il candidato ufficiale, ma osserviamo attentamente il New Hampshire.

Roberto Masiero By Roberto Masiero | January 26, 2024 | United States

La vittoria di Donald Trump in Iowa questa settimana è stata la vittoria più contundente nella storia dei caucus presidenziali repubblicani dell'Iowa.

di Tim Phillips e Roberto Masiero.

Con il 51% dei voti Trump ha facilmente eclissato il 41% di George W. Bush nel caucus dell’Iowa del 2000. Altrettanto impressionante, Trump ha vinto 98 contee su 99 insieme a una solida maggioranza di cristiani evangelici, elettori rurali e persino elettori suburbani, sconfiggendo il suo avversario repubblicano più vicino (Ron DeSantis) del 30% di punti.

Ora, Trump si trova ad affrontare una sfida potenzialmente più difficile alle primarie del New Hampshire questo martedì, dove i sondaggi mostrano che la corsa è molto più serrata, l’elettorato è più moderato e la storia racconta che il terreno è più incerto. Spieghiamo.

Sì, Trump ha vinto facilmente le primarie repubblicane del New Hampshire del 2016 con il 32,5%, più del doppio della percentuale del suo concorrente più vicino. Inoltre, i sondaggi mostrano che Trump rimane popolare presso la grande maggioranza dei quasi 268.000 repubblicani registrati nello stato. Tuttavia, a differenza dell'Iowa, dove potevano votare solo i repubblicani registrati, nel New Hampshire gli elettori "non dichiarati" che ammontano a 343.000 possono votare alle primarie presidenziali repubblicane. Questi elettori “non dichiarati” sono, nel complesso, più moderati dei repubblicani del New Hampshire.

La storia mostra che essi si sono spesso riversati nelle primarie presidenziali sia repubblicane che democratiche, dando un impulso fondamentale ai candidati più moderati contro i repubblicani più conservatori o i democratici più liberali. Nel 2000, George W. Bush irruppe nel New Hampshire dopo un'enorme vittoria in Iowa. Tuttavia, decine di migliaia di questi elettori “non dichiarati” hanno sostenuto il più moderato John McCain, e McCain si è ritrovato con uno stupefacente vantaggio nei confronti di Bush. Nel 2008, un giovane e più liberale Barack Obama irruppe nel New Hampshire dopo una vittoria in Iowa solo per perdere contro Hillary Clinton mentre decine di migliaia di elettori “non dichiarati” del New Hampshire si riversavano alle primarie democratiche per sostenerla.

Quest’anno però c’è una differenza cruciale. A causa delle manovre democratiche per proteggere il loro presidente in carica da una seria sfida alle primarie, il presidente Joe Biden NON parteciperà al ballottaggio delle primarie presidenziali democratiche del New Hampshire. Di conseguenza, un gran numero di questi elettori indecisi che tipicamente votano alle primarie democratiche saranno ora molto più propensi a votare alle primarie repubblicane, e in gran parte detestano Donald J Trump. Pertanto, Nikki Haley, considerata più moderata e, francamente, non Donald Trump, avrà probabilmente migliaia di voti questo martedì da coloro che solitamente votano alle primarie democratiche.

Vale la pena notare altre due differenze cruciali nell’elettorato repubblicano del New Hampshire, poiché nessuna delle due è a favore dell’ex presidente Trump. In primo luogo, la percentuale di cristiani evangelici tra i repubblicani registrati nel New Hampshire è di gran lunga inferiore a quella dell’Iowa. I repubblicani evangelici costituiscono uno dei gruppi di sostegno più forti di Trump. In secondo luogo, la percentuale di repubblicani del New Hampshire che hanno un’istruzione universitaria è significativamente più alta che in Iowa. Trump se la cava molto meglio con i repubblicani senza laurea. Questi fattori aiutano a spiegare perché Nikki Haley si sta avvicinando molto più a Trump nel New Hampshire.

Inoltre, tre fattori finali aiutano l’ex governatrice Haley nel New Hampshire:

  • È appoggiata dal molto popolare governatore repubblicano del New Hampshire, Chris Sununu. Il governatore Sununu sembra chirurgicamente attaccato al suo fianco mentre Haley fa campagna in tutto il New Hampshire.
  • Il super PAC di Haley, gruppi esterni e molti importanti donatori dalle tasche profonde stanno investendo denaro in massicce pubblicità e iniziative di base in tutto il New Hampshire per conto di Haley. Quasi certamente spenderà più di Trump nel New Hampshire.
  • L'abbandono della gara da parte dell'ex governatore del New Jersey Chris Christie la scorsa settimana ha rimosso un concorrente nella corsia più moderata. Ora, i repubblicani moderati e gli elettori “non dichiarati” guarderanno più esclusivamente ad Haley. Nel 2016, la corsia moderata contro Trump era molto più affollata con John Kasich, Jeb Bush e Carly Fiorina in competizione nel New Hampshire.
  • I sondaggi e le discussioni con professionisti politici perspicaci in tutto il New Hampshire indicano che Trump è ancora in vantaggio. È un comprovato raccoglitore di voti, avendo vinto le primarie repubblicane del New Hampshire nel 2016. Oggi, Trump possiede il sostegno eterno di una solida maggioranza degli attuali repubblicani registrati nello stato. Sta conducendo una campagna professionale e discreta, senza lasciare nulla al caso nello stato. Tuttavia, c'è motivo di tenere d'occhio il New Hampshire da qui alle primarie di martedì.
  • Inoltre, Trump è ben posizionato per resistere a qualsiasi potenziale turbamento o minaccia nel New Hampshire. Perché? La risposta è controintuitiva ma vale la pena esaminarla. Dopotutto, una vittoria di Haley nel New Hampshire scatenerebbe una frenesia mediatica fornendo allo stesso tempo una scarica di adrenalina per Haley mentre la campagna si dirige verso il suo stato natale, la Carolina del Sud, dove si svolgeranno le prossime primarie.
  • Nonostante tutto cio, Trump avrà enormi vantaggi nello stato natale di Haley, la Carolina del Sud. I cristiani evangelici costituiscono una percentuale molto più significativa dell’elettorato primario nella Carolina del Sud e forniscono un fondamento di sostegno a Trump. Gli elettori rurali e quelli senza istruzione universitaria costituiscono inoltre una percentuale più elevata dell’elettorato repubblicano alle primarie nella Carolina del Sud rispetto al New Hampshire, ed entrambi i gruppi sostengono fortemente Trump. A differenza del New Hampshire, il popolare governatore della Carolina del Sud, Henry McMaster, insieme alla maggioranza dei leader repubblicani eletti nello stato, stanno sostenendo e lavorando duramente per Donald Trump.

Infine, ricordiamo il governatore della Florida Ron DeSantis e' finito davanti a Haley in Iowa; tuttavia, la mattina dopo il caucus dell'Iowa e solo una settimana prima delle primarie del New Hampshire, DeSantis si recò non nel New Hampshire ma nella Carolina del Sud per il suo primo evento elettorale post-Iowa. DeSantis ha una base significativa di sostegno all'interno di una coalizione di repubblicani anti-Trump che ricordano il governatorato di Haley come troppo istituzionale e non abbastanza conservatore. DeSantis lasciando cadere la propria candidatura convergera' i voti, arrivati all'inizio dal placit di Trump, allo stesso Trump.

La certezza di un Trump candidato repubblicano indipendentemente da ciò che accadrà nel New Hampshire, e' inequivocabile.

I sondaggi d’opinione pubblica mostrano che in una rivincita elettorale generale tra l’ex presidente Trump e l’attuale presidente Biden, Donald J Trump avrebbe pari possibilità di vincere. In caso di successo, Trump si unirebbe a Grover Cleveland come le uniche due persone nella storia americana a vincere un’elezione presidenziale, scontare un mandato, perdere la campagna di rielezione e poi tornare quattro anni dopo per vincere e riconquistare la Casa Bianca.

Cosa significherebbe per l’Europa una seconda amministrazione Trump? Trump ha spinto l’Europa a spendere più soldi per la difesa nazionale, e senza dubbio avrebbe rilanciato questo sforzo. Le politiche energetiche di Trump aumenterebbero la produzione americana di gas naturale liquefatto e petrolio, di cui hanno disperatamente bisogno molti paesi europei e che Biden minaccia di diminuire come parte dello sforzo di Biden per combattere il riscaldamento globale. Trump cercherà senza dubbio di estendere i tagli fiscali del 2017 per un ulteriore decennio, tagliando al contempo le normative governative e la burocrazia che danneggiano la produttività delle imprese. Trump tratterebbe anche con più forza l’Iran in Medio Oriente.

Tim Phillips è uno stratega e consulente repubblicano con una lunga esperienza a livello presidenziale, senatoriale e congressuale. È apparso regolarmente nelle principali pubblicazioni dei media e in tutte le principali reti televisive. Azienda attuale: Hyperfocal. Dal 2006 al 2021 è stato presidente di Americans for Prosperity. Tim e' attivo board member di Renaissance Evolution.

Roberto Masiero ha un Ph.D in Humanities, imprenditore e diplomatico culturale. È fondatore e presidente di Renaissance Evolution, fondatore e CEO di Bee Technology Group. 

 


Related News

This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit our website. By continuing to use this website, you consent to our use of these cookies. Read More Accept