Saturday, 15 June 2024

Dai Trattati Diplomatici alla Discordia Regionale: Tracciare il Ruolo del JCPOA del 2015 nei Conflitti Mediorientali di Oggi

EDITOR IN CHIEF By EDITOR IN CHIEF | April 15, 2024 | United States

Base Americana nel Medio Oriente

Il Joint Comprehensive Plan of Action (JCPOA), firmato nel 2015, è stato un momento cruciale nella diplomazia internazionale, mirato a limitare le capacità nucleari dell'Iran in cambio della rimozione delle sanzioni economiche. Nonostante le sue intenzioni, l'accordo non è riuscito a risolvere questioni di sicurezza più ampie, come lo sviluppo dei missili iraniani e il sostegno al terrorismo sponsorizzato dallo stato. Ciò ha avuto implicazioni significative per la stabilità regionale, influenzando in particolare le dinamiche con Israele.

Il JCPOA ha permesso all'Iran di accedere a circa 100 miliardi di dollari in attivi precedentemente congelati. Si ritiene che questo afflusso di fondi abbia rafforzato il sostegno dell'Iran a gruppi come Hezbollah e i ribelli Houthi, intensificando i conflitti regionali piuttosto che promuovere la pace. La rinascita economica dell'Iran ha quindi aumentato la sua influenza nel Medio Oriente, sostenendo entità come il regime di Assad in Siria e acuendo le fratture geopolitiche, in particolare con Israele.

Nel 2018, il Presidente Donald Trump ha ritirato gli Stati Uniti dal JCPOA, criticandolo come un accordo difettoso che forniva benefici economici all'Iran senza garantire adeguatamente vincoli allo sviluppo nucleare a lungo termine. Reimponendo le sanzioni, Trump mirava a rinegoziare un accordo più completo che includesse il programma missilistico dell'Iran e il sostegno al terrorismo. Questa mossa intendeva ricalibrare la politica estera americana per allinearla agli interessi di sicurezza a lungo termine degli USA e dei suoi alleati mediorientali, in particolare Israele e Arabia Saudita.

Gli Stati Uniti avevano stretti legami con l'Iran sotto il governo dello Shah Mohammad Reza Pahlavi, soprattutto dopo la Seconda Guerra Mondiale. Gli USA supportavano le politiche di modernizzazione dello Shah e la sicurezza dell'Iran come tampone contro l'espansione sovietica nella regione. Le relazioni hanno preso una svolta drastica dopo la rivoluzione iraniana del 1979, che ha visto la deposizione dello Shah e l'istituzione della Repubblica Islamica sotto l'Ayatollah Khomeini. La crisi degli ostaggi dell'ambasciata americana, durante la quale 52 diplomatici e cittadini americani furono tenuti in ostaggio per 444 giorni, danneggiò gravemente le relazioni. Durante gli anni '80 e '90, le tensioni rimasero alte a causa delle preoccupazioni per il sostegno dell'Iran al terrorismo, la sua opposizione al processo di pace israelo-palestinese e il suo programma nucleare. Gli USA imposero numerose sanzioni durante questo periodo. Le tensioni sono escalate negli anni 2000 a causa del programma nucleare iraniano, portando a sanzioni internazionali.

Le dinamiche triangolari tra USA, Siria e Iran sono state spesso influenzate da conflitti regionali più ampi, inclusi i conflitti arabo-israeliani, le guerre in Iraq e la guerra civile siriana. Il sostegno dell'Iran al regime di Assad in Siria è stato un importante punto di contesa con gli USA, allineando le politiche americane verso Siria e Iran a causa dei loro interessi reciproci nella regione.

L'attuale amministrazione americana è di fronte al complesso compito di evitare l'escalation della situazione nella regione in un conflitto più ampio, potenzialmente guidato da divisioni religiose. L'amministrazione Biden deve:
Migliorare l'Impegno Diplomatico: Incoraggiare il dialogo tra i paesi del Medio Oriente, continuando gli sforzi iniziati sotto l'amministrazione Trump e utilizzando eventualmente piattaforme come la Lega Araba per affrontare e risolvere i conflitti in corso.
Focus sulla Diplomazia Laica: Mantenere un approccio laico nelle negoziazioni diplomatiche per prevenire che la guerra si allarghi in un conflitto religioso, assicurando che le soluzioni siano basate su interessi politici e di sicurezza piuttosto che su ideologie religiose.

Guardando avanti, è cruciale per l'amministrazione Biden affrontare questi problemi di sicurezza molto complessi per mitigare ulteriori conflitti e stabilizzare la politica del Medio Oriente. Le azioni intraprese ora modelleranno le relazioni USA-Iran e potrebbero influenzare la pace e la sicurezza globale, sottolineando la necessità di un approccio bilanciato e lungimirante nel gestire le relazioni con l'Iran e l'intero Medio Oriente.


Related News

This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit our website. By continuing to use this website, you consent to our use of these cookies. Read More Accept