martes, 18 junio 2024

Ultima resistenza nella Carolina del Sud per Haley?

Roberto Masiero By Roberto Masiero | enero 26, 2024 | United States

La vittoria per 11 punti di Donald Trump nel New Hampshire lo ha reso il primo candidato presidenziale repubblicano non in carica nella storia a vincere SIA Iowa che New Hampshire. La vittoria a doppia cifra ha anche reso chiaro che Trump sarà quasi certamente il candidato repubblicano alla presidenza.

di Tim Phillips e Roberto Masiero

Non sorprende che i media tradizionali e molti analisti anti-Trump abbiano dichiarato “segnali di allarme” e “semafori rossi” per Trump ancor prima che finisse il suo discorso di vittoria. I suoi detrattori sottolineano la “vicinanza” del risultato, affermando che Trump avrebbe dovuto vincere con più di 11 punti percentuali. Tuttavia, Trump ha vinto la percentuale più alta di qualsiasi candidato presidenziale repubblicano non in carica nella storia delle primarie del New Hampshire, con il 54,5%, battendo il 50,2% vinto da Ronald Reagan nel 1980.

Anche i detrattori stanno dando molta importanza al sondaggio che prende in esame i sostenitori dell’avversario di Trump, Nikki Haley. Un articolo di Politico descriveva dettagliatamente come il 43% dei sostenitori di Haley nel New Hampshire avesse affermato che avrebbe votato per Joe Biden, e il sondaggio di uscita della CBS affermava che l’86% degli elettori di Haley “non sarebbe soddisfatto” di Trump come candidato repubblicano. Senza dubbio, Trump ha molto lavoro da fare per unire il Partito Repubblicano e conquistare i veri indipendenti. Allo stesso tempo, il New Hampshire consente agli elettori “non dichiarati” di partecipare alle primarie, e molti di questi elettori sono liberali che raramente votano per un repubblicano alle elezioni generali. Sono accorsi a queste primarie repubblicane per votare contro Trump perché non c’erano primarie democratiche per la presidenza.

Vale la pena notare che l’affluenza alle urne in queste primarie repubblicane del New Hampshire ha infranto tutti i record precedenti di affluenza alle primarie di entrambi i partiti. Il precedente record di affluenza alle urne per le primarie presidenziali del New Hampshire sono state le primarie democratiche del 2020, con 296.000 elettori mentre Bernie Sanders ha vinto. Il precedente record repubblicano è stato nel 2016, quando 284.000 elettori hanno votato per la vittoria di Trump. Quest’anno, oltre 321.000 persone hanno votato alle primarie repubblicane.

L’affluenza alle urne è solitamente l’indicatore più chiaro dell’intensità degli elettori. Gli elettori occasionali votano alle elezioni solo se sono fortemente convinti del risultato. Senza dubbio, Donald Trump spinge l’intensità sia a favore che contro. Molti degli elettori “non dichiarati” del New Hampshire si sono recati alle urne, e gli exit poll indicano che hanno votato in stragrande maggioranza contro Trump e a favore di Nikki Haley. Secondo gli exit poll, ha vinto con una percentuale del 22% sugli elettori “non dichiarati”.

Tuttavia, ANCHE i repubblicani hanno votato in numero record e, secondo gli exit poll, hanno sostenuto Trump con uno straordinario 59%. È chiaro che, come in Iowa, la maggior parte dei repubblicani e dei conservatori si sono coalizzati per Donald Trump.

Qui sta l’ostacolo inamovibile per Nikki Haley e i suoi principali sostenitori e donatori. L’elettorato del New Hampshire ha offerto la migliore possibilità di far deragliare Trump poiché la legge statale ha consentito agli oltre 300.000 elettori “non dichiarati” di partecipare alle primarie repubblicane. I repubblicani nello stato sono più moderati dei repubblicani nei prossimi stati.

Dal palco del New Hampshire, Haley ha dichiarato che non vede l'ora di tornare nel suo stato natale, la Carolina del Sud. Ma uno sguardo più attento all’elettorato delle primarie mostra che la sfida è monolitica.

Gli elettori repubblicani delle primarie della Carolina del Sud sono in maggioranza cristiani evangelici e conservatori nella loro storia elettorale rispetto al New Hampshire. In altre parole, gli elettori repubblicani delle primarie della Carolina del Sud somigliano molto più agli elettori di Trump che ai sostenitori di Haley.

Le ultime primarie presidenziali repubblicane nella Carolina del Sud (2016) hanno visto votare 739.000 persone. Si sono presentati tre candidati fortemente conservatori/populisti/evangelici: Trump, Ted Cruz e Ben Carson. Insieme, hanno vinto il 62% dei voti totali. I tre candidati in corsa per Nikki Haley (Jeb Bush, John Kasich, Marco Rubio) hanno ottenuto il 37% dei voti totali.

Nella campagna “ribelle” del 2010 di Haley per la carica di governatore della Carolina del Sud, si candidò come candidata del "tea party". Sarah Palin, che all'epoca era l'icona del movimento, la appoggiò. Tuttavia, come governatore, Haley era più un repubblicano dell’establishment sostenenedo l’aumento della tassa sui carburanti senza riuscire a spingere per una vera riforma dell’istruzione o tagli alla spesa pubblica.

Sì, Haley spenderà più di Trump nella Carolina del Sud poiché il suo super PAC e altri gruppi esterni sono molto facoltosi. Haley attira anche una forte base di piccoli donatori che vogliono la sconfitta di Trump. Tuttavia, ha anche speso molto più di Trump in Iowa e New Hampshire, senza ottenere alcun risultato.

Sono cresciuto nello stato della Carolina del Sud, vicino a Spartanburg. Negli anni ’80 e ’90, mentre lo stato si trasformava lentamente in un affidabile bastione repubblicano, la transizione fu guidata da cittadini suburbani con istruzione universitaria e cristiani evangelici che elessero il governatore riformista Carroll Campbell nel 1986 poi rieletto nel 1990. Il 2016 ha aggiunto un’ondata di populisti e molti nuovi colletti blue meno religiosi fra gli elettori pur mantenendo i cristiani evangelici. Negli ultimi anni, la costa atlantica della Carolina del Sud è diventata un paradiso per un gran numero di pensionati “snowbird” provenienti dal “nord” che tendono ad essere sostenitori di Trump.

Ultimo punto che vale la pena esaminare è un punto contro-intuitivo. La maggior parte dei leader repubblicani eletti della Carolina del Sud sostengono Donald Trump. Il popolare governatore, Henry McMaster, è il presidente della campagna di Trump. Entrambi i senatori dello Stato sono con Trump (la neoconservatrice iconoclasta Lindsey Graham e il conservatore sociale fortemente evangelico Tim Scott). La delegazione del Congresso dello stato (ad eccezione di Ralph Norman) sostiene Trump. Anche la maggior parte dei legislatori statali è d’accordo con Trump.

Tuttavia, supponiamo di parlare con gli elettori medi di Trump in piccole città come Pickens o con gli elettori costieri nella contea di Horry. In tal caso, di solito si descriveranno come ribelli che vogliono scuotere il vecchio partito repubblicano. Quindi, Trump ha SIA l’energia che il potere dei repubblicani eletti in carica mentre cerca di schiacciare Haley nel suo stato d’origine.

Non sorprende che i sondaggi tra i probabili elettori delle primarie della Carolina del Sud e il sentimento reale sul territorio indichino un’altra grande vittoria per Trump mentre marcia inesorabilmente verso una rivincita con Joe Biden a novembre.

Tim Phillips

All acuta analisi fatta da Tim volevo aggiungere che se Donald Trump tornasse ad essere presidente degli Stati Uniti, il futuro delle relazioni USA-Italia, come di tutte le relazioni internazionali, dipenderebbe da una serie di fattori, tra cui le politiche e gli approcci specifici adottati dalla sua amministrazione, nonché dall’attuale situazione politica in Italia che si preannuncia stabile per i prossimi 4 anni ma anche da dinamiche globali piu ampie. Tuttavia, possiamo fare alcune ipotesi basate sul suo precedente mandato come Presidente dal 2017 al 2021:

  1. Enfasi sul commercio bilaterale: l’amministrazione Trump potrebbe continuare a concentrarsi sulla rinegoziazione degli accordi commerciali a vantaggio degli Stati Uniti. Ciò potrebbe comportare discussioni con l’Italia e l’Unione Europea (di cui l’Italia è membro) in merito ad accordi commerciali e tariffe.
  2. Contributi della NATO: Trump ha precedentemente sottolineato la necessità che i membri della NATO, compresa l’Italia, aumentino le loro spese per la difesa per soddisfare le linee guida dell’organizzazione. Questo argomento potrebbe riemergere nelle discussioni italo-americane.
  3. Immigrazione e sicurezza: l’attenzione di Trump su rigide politiche di immigrazione e sicurezza nazionale potrebbe influenzare il dialogo tra Stati Uniti e Italia in particolare dato che l’Italia è il principale punto di ingresso per migranti e rifugiati in Europa.
  4. Cambiamenti climatici e politiche ambientali: l’approccio di Trump alla regolamentazione ambientale e ai cambiamenti climatici, che ha generalmente comportato la revoca delle normative e il ritiro dagli accordi internazionali come l’Accordo di Parigi, potrebbe creare punti di contesa con l’Italia, che tende a sostenere un’azione decisiva sulle questioni climatiche.
  5. Approccio diplomatico: lo stile diplomatico non convenzionale di Trump, che spesso implica una comunicazione diretta e un allontanamento dai tradizionali protocolli diplomatici, potrebbe avere un impatto sulle interazioni con i dirigenti della maggioranza.
  6. Alleanze globali e posizione geopolitica: la prospettiva di Trump sulle alleanze internazionali, compreso il suo approccio a Cina e Russia, potrebbe influenzare le relazioni USA-Italia, soprattutto nel contesto delle più ampie preoccupazioni economiche e di sicurezza europee.

È importante notare che le relazioni internazionali sono complesse e influenzate da una miriade di fattori che vanno oltre le preferenze o le azioni di un singolo leader. Le risposte e le politiche del governo italiano, le condizioni economiche globali, le crisi internazionali e l’evoluzione delle situazioni di sicurezza giocherebbero tutti un ruolo significativo nel plasmare il futuro rapporto tra Stati Uniti e Italia.

Roberto Masiero


  • Tags:   donal trump primarie new hampshire nikki haley politico cbs joe biden primarie sud carolina
  • Categories:  Politics White House

Noticias Relacionadas

This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit our website. By continuing to use this website, you consent to our use of these cookies. Read More Accept